Costruire il reale (1)

Sei sauintrcmee ccapae di crnmderpoee qsuai ttute le plraoe utase in qsetuo tseto e sctumiearne il sigcifainto glarenee sbebnee smebri strctio in un ligugiagno esxettarrtrree.

Come è possibile? Prova a pensarci. Quando leggi, cosa fai? Ricevi dei dati in ingresso e li trascrivi su una lavagna vuota nella testa? O parti cercando comuque di dare un senso all'accozaglia di lettere, pensando a priori che un senso ci debba essere? Leggi le lettere, le parole o l'intera frase tutta insieme? O salti da un livello all'altro continuamente? Queste capacità possono essere simulate o, in altri termini: è possibile scrivere un programma che fa quello che fai tu in questo caso? Da dove partiresti per scrivere un programma simile?

Per adesso basta domande. Questa è la prima puntata di spigolature di filosofia impertinente in cui, ligio al sottotitolo del blog, spazierò fra percezione, ontologia e ideologie, passando per paradossi e zen.

 

Trackbacks

    Nessun Trackbacks

Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)

    Nessun commento


Aggiungi Commento


Puoi scrivere in grassetto usando due asterischi (*testo in bold*), e sottolineare con due underscore (_testo sottolineato_).
Le emoticons qui sotto sono convertite in immagini.
:'(   :-)   :|   :-O   :-(   8-)   :-D   :-P   ;-)

Per evitare spam e inserimenti da parte di script, devi reinserire i caratteri che vedi nell'immagine qui sotto (richiede l'abilitazione dei cookies).
CAPTCHA